TECNOLOGIA CONTRO NATURA

Una Scelta Inevitabile

TECNOLOGIA È UNA parola composta che deriva dal greco tékhne-loghìa [Wikipedia], letteralmente “discorso [o ragionamento] sull’arte”, dove con arte si intendeva sino al secolo XVIII il saper fare, quello che oggi indichiamo con la tecnica. Se la tecnica riguarda la manualità, il ragionamento diventa la razionalizzazione o comprensione dei  risultati raggiunti attraverso l’azione concreta: in sintesi la tecnologia diventa il progetto della tecnica. I due termini dialettici del fare e del sapere hanno interagito nel corso del tempo, spesso scambiandosi di ruolo nel promuovere l’evoluzione della tecnologia.

Il luogo comune maggiormente diffuso vede come contrapposti la natura e l’artificio, l’ambiente originario e le trasformazioni prodotte dalla tecnologia.

A ben vedere però l’uomo non introduce nella natura qualcosa che già non esista. Tutti i processi antropici possono essere illustrati come riproduzione di meccanismi naturali per il raggiungimento di un obiettivo individuale o collettivo, laddove in natura il più delle volte questi stessi processi avvengono in modo casuale. L’antagonismo tra naturale e artificiale non è di tipo qualitativo (tipo di trasformazione, fattori implicati) ma di tipo quantitativo (riconducibile alla intensità nel consumo di risorse rinnovabili e non rinnovabili).

Leggi l’anteprima online: clicca qui

Acquista l’eBook [21 pagine] ad Euro 1,99:

Cliccando sul tasto: “Acquista adesso” e dopo aver completato la procedura d’acquisto, riceverai all’indirizzo email registrato su PayPal il link per scaricare l’eBook in formato pdf.